mercoledì 13 giugno 2012

C'era una volta una gatta...

Buongiorno a tutte/tutti.
Il post oggi lo scrivo io perchè è un'occasione particolare.

Sono la gatta Melina, meglio conosciuta come Micia




Sono nata 19 anni fa (eh, si sono tanti!) e sono stata accolta con tanto amore da una famiglia.
Sono rimasta con loro per alcuni anni, curata, coccolata, potevo stare dove preferivo, in casa o all'aperto, andavo d'accordo anche con il cane, insomma un bella vita.

Sono sempre stata tollerante, affettuosa ma non invadente, generosa dispensatrice di fusa a volontà.

Ma un giorno la mia padrona me l'ha fatta grossa!
Ha preso un altro cane e sta cosa non mi è andata giù.
Ci stavamo sulle scatole a vicenda, solo che io avevo la possibilità diciamo di evadere...
così ho iniziato ad esplorare il vicinato.

Nella casa a fianco c'era una signora anziana che viveva da sola e così dopo aver tastato il terreno ed avere constatato che la signora era generosamente solita a lasciarmi qualcosa da mangiare ho deciso di fare i bagagli e trasferirmi in via definitiva.

Lì non stavo in casa ma avevo il tepore del locale caldaia per l'inverno e il fresco della veranda per l'estate, senza contare il giardino ed i boschi circostanti da esplorare.
C'erano sempre la ciotola delle crocchette e dell'acqua pronte e nessuno che rompeva le scatole.
Che pace.
Ma anche stavolta il mio piccolo paradiso era destinato ad essere sconvolto.

Io e la nonna Irma eravamo praticamente coscritte, avevamo i nostri acciacchi e ci godevamo la tranquillità della nostra casa.
Solo che io avevo lei che mi curava, ma lei non aveva nessuno, così ad un certo punto decise di vendere la casa per andare a vivere vicino al figlio.

Io speravo che non riuscisse a venderla ma un giorno arriva una tipa, quella che scrive questo blog per intenderci, e parlano.
Poi inizio a vedere questa qua sempre più spesso finchè un giorno la sento che dice alla nonna "Ma la gatta la porta con lei?"
E la nonna dice "Non posso, sono in un appartamento, la può curare lei? Darle da mangiare?"
E questa per fortuna dice di si, ci mancava solo che alla mia veneranda età, che allora era già di 14 anni, dovessi rimettermi a cacciare topolini!

Così un giorno la nonna Irma se n'è andata ed io sono rimasta con questa qua, che poi detto tra noi, era una mezza calzetta perchè non aveva mai avuto gatti e aveva sempre paura che io la graffiassi all'improvviso quindi capivo che faceva tanto la simpaticona ma in realtà se la faceva sotto!

Lei però la mia storia non la sapeva, ne sarebbe venuta a conoscenza dopo un po', così un giorno mi dice "Visto che la nonna non ti aveva dato un nome da oggi ti chiamerò Sfigatta!"

E capirai!!!
Oltre il danno la beffa.

All'inizio della nostra convivenza io me ne andavo, specie quando lei era a casa, preferivo starmene in pace, magari sul tetto del garage (facevo proprio la gatta sul tetto...), ma poi ho capito che sta tipa era innocua e tutto sommato non mi dispiaceva, così ho iniziato ad avvicinarmi. Quando si sedeva in giardino a leggere le andavo vicino, quando tornava a casa le andavo incontro, e la sera se tardava con la cena la chiamavo
"Miewwwwww!!!!" E lei mi accarezzava sempre dietro le orecchie.

Diciamo che le cose si stavano mettendo bene, ma figurarsi, avrei dovuto capire che era la calma prima della tempesta!
Una sera la mia padrona torna a casa con un affare bianco profumato che si muoveva... ho capito dopo che era un cane, o meglio sembrava un cane.
Ma anche lui era una mezza calzetta, mi veniva vicino per annusarmi, io "ruggivo" e lui scappava come un coniglietto, per non parlare del profumo, puah, mica sono così i veri cani!!!

Un giorno la mia padrona l'ha portato via, poi è tornata dopo qualche ora e sta specie di cane da pelosissimo che era, d'improvviso aveva il pelo cortissimo che sembrava un agnellino. Allora non ci ho visto più, gli ho detto "Ma sei un cane o una bambolina?"

Allora ho iniziato a corrergli dietro e lui come guaiva, mamma mia sembrava un cucciolo, invece era già grande, aveva detto di avere tre anni!
La mia padrona è accorsa allarmata poi quando ha visto un gatto che rincorreva un cane è scoppiata a ridere, ha fatto entrare il cane in casa e l'ha messo in salvo, se no mi sa che un paio di ceffoni glieli davo! Cani senza spina dorsale!

Poi dopo un paio di mesi non mi arriva anche una micetta?
No dico, e adesso basta però!
Allora questa volta ho tirato fuori le unghie e non mi sono fatta mettere le zampe in testa.

Non la volevo vicina mi stava antipatica, così giovane e giocherellona, che andasse a giocare con quella specie di cane bianco va'!

Ma poi devo dire che le cose sono decisamente migliorate, la padrona dava sempre prima a me da mangiare e la piccola aveva capito chi comandava, aspettava sempre che finissi io, poi anche il cane è diventato un cane vero, iniziava a odorare di cane, sporcarsi come i cani, e anche ad abbaiare come un cane anzichè guaire come un cucciolo per niente.

Così abbiamo iniziato una convivenza felice finalmente, la padrona mi dava sempre tante cose buone da mangiare, sempre pappe con gusti diversi.
Le crocchette sempre quelle che mi piacevano di più.
Aveva sistemato due cassettine in un angolo soleggiato del cortile ma io e la micetta spesso dormivamo insieme in una sola.
In fondo anche la piccola mi piaceva, il primo anno ha cacciato tanti di quei topolini che deve essersi sparsa la voce che c'era una castigaratti visto che poi non se ne sono più visti.

Ma si, ho pensato che tutto sommato potevo lasciare la mia eredità a questa micetta, che si è dimostrata una che sapeva stare nel suo ruolo di sudditanza ma quando era ora si dava da fare.

Poi da un paio di anni a questa parte ho iniziato a non andare più in giro, stavo in cortile tanto ormai mi sentivo a mio agio.
Il cane mi annusava e poi si metteva seduto ad aspettare la nostra padrona, la micetta era spesso in giro, quindi io stavo da Dio.
Ero solo un po' dimagrita, ma penso fosse l'età perchè mangiavo sempre allo stesso modo.

Poi l'inverno scorso ho iniziato anche a zoppicare, del resto gli acciacchi vengono a tutti, e poi ehi, 19 anni non sono mica bruscolini!

Ieri però non stavo bene, non so come mai, ho miagolato un po', ma mi sono messa al solito posto, e la mia padrona è andata al lavoro come sempre.

Quando è tornata mi ha trovata al posto di sempre, ma non mi muovevo più, mi sono addormentata definitivamente.

Poverina, ho visto che mi ha accarezzato la testa mentre le lacrime le scendevano... mi ha salutata e mi ha detto che le spiaceva non esserci stata in quel momento. Ma come poteva saperlo?

Poi mi hanno avvolto in una coperta e seppellita sotto un'ortensia perchè la mia padrona ha pensato che è un posto soleggiato ma fresco, come piaceva a me.

Vorrei solo poterle dire che adesso sto bene, non ho più male, non zoppico, anzi posso correre, non ci sono pericoli qui, solo prati verdi, sole e animali felici.

20 commenti:

Gilda - Sweet Sweet Home ha detto...

Oh tesoro come mi dispiace , deve essere stato terrbile rintrare e veder che lei non veniva a farti le fusa.Ho letto la storia tutta d'un fiato e adesso ho i lacrimoni agli occhi. Sono sicura che sotto l'ortensia lei starà benissimo ed ogni qual volta ti prenderai cura di essa lo farai anche della tua vecchia micia.Un abbraccio forte forte Gilda

Rosetta ha detto...

Quanto mi hai fatto piangere!Simona hai un cuore grande!Almeno le hai regalato tanto affetto!Lei ora dorme,penso quella che è triste sei tu!Si sa questi animali ci danno tanto ma quanto è triste quando se ne vanno!Un abbraccione

lory ha detto...

che bella che sei Simona!!!!! ti abbraccio forte forte Lory

lory ha detto...

che bella che sei Simona!!!!! ti abbraccio forte forte Lory

Susy ha detto...

Simooooooo che storia tenerissima!!!!
Mi è piaciuta veramente tanto, adesso la tua micia sarà in compagnia di Rudy, il mio cagnolino, speriamo!
Love Susy x

Ele ha detto...

Simo,ho le lacrime agli occhi..Non sai come ti capisco..i miei gatti son andati via nel giro di pochi giorni.La gatta poi,non l'ho potuta neppure salutare..per mesi ho sperato che tornasse a casa e invece..Il maschio,povero davvero,è morto soffrendo.E piango ancora adesso,credimi.Erano giovani..avevano solo due anni e mezzo.Ora in campagna abbiam altri gattini,ma non è la stessa cosa.Jerry,il maschio,lo abbiam avvolto in un lenzuolo bianco e sotterrato sotto ad un olivo..ogni tanto gli portiam un fiorellino..ma ci manca tantissimo.La mia Pallina,che li considerava suoi figli,da quel giorno ogni tanto va alla cuccetta morbida dove stavan tutti e tre e la fissa strana,poi va vicino al recinto che dà sulla strada,guarda nella direzione dalla quale erano soliti tornare a casa dopo le scorribande e sspirando se ne torna nella sua cuccia.Ti abbraccio forte!

Letizia ha detto...

Cara Simona,mi dispiace tanto, non riesco a smettere di piangere,ti capisco benissimo,queste dolci creature lasciano un vuoto incolmabile.Il nostro Ciccio è venuto a mancare 1 anno fa,viveva con noi da 7 anni,un giorno non è più tornato dal suo girovagare,lo abbiamo aspettato invano,poi siamo venuti a sapere che lo avevano investito,il mio cruccio è che non l'ho potuto seppellire.Credimi quando ci penso,o vedo i suoi posticini preferiti, piango ancora,
però dobbiamo essere contente per averli avuti e amati come meritano.Bacioni,Letizia.

Anna ha detto...

Credo sia il più bel post che abbia mai letto dedicato alla morte di un amico a quattro zampe...mi hai fatto prima sorridere e poi piangere...
Mi dispiace Simo ma consolati pensando a quanto bene le hai voluto e a quanto ne voleva lei a te!
Ti abbraccio con tanto affetto!
Anna

Le Idee di Papilio ha detto...

Ciao Simona,
come ti capisco.. anche il mio gattone è morto a quasi 20 anni.. è stato bruttissimo... si soffre troppo!Però nonostante tutto non posso stare sena animaletti.. adesso ho un cane, due gatti e un porcellino d'india .. penso che non starò mai senza un amico peloso :-D

Un abbraccio
Serena

sabrymagic ha detto...

Ciao Simo ho letto il tuo post......
Mi dispiace tanto,perdere un amico a 4 zampe è come perdere uno di famiglia!!
Purtroppo ieri è successo anche a me!!
Un abbraccio e spero tanto che gli animali hanno un anima per poterli rivedere un domani!!
Baci
Sabry!!

sognatriceabordo ha detto...

Mi dispiace tanto...

Polda ha detto...

Commovente...ma non starò mica piangendoooooo????

Mirty ha detto...

Una lacrimuccia sta scendendo fra il mio pelo..Ho letto la storia di Micia tutta d'un fiato e il finale mi ha proprio commosso..Sono sicura che è davvero felice e che il mio amico Milu la ricorda continuamente con un sorriso :) In fondo a noi i gattini non stanno poi così antipatici, siamo tutti quadrupedi pelosetti e non siamo razzisti :)
Abbraccio tutta la vostra famigliola e vi lascio tante leccatine perchè so che la vostra perdita non deve essere facile da sopportare..
Con tanto affetto la vostra amichetta mirty

Mari e Fiorella ha detto...

Micia, ora, sarà senz'altro sul ponte dell'arcobaleno e guarderà giù tutti quelli che l'hanno amata!!

ziapolly ha detto...

Simona, mentre leggo sto piangendo, non riesco nemmeno a vedere quello che scrivo. Sei stata una meravigliosa amica per questa povera gattina. Le hai regalato nell'ultima parte della sua esistenza tutto quello che non aveva avuto prima, serenità, amici pelosetti ma, soprattutto, il tuo affetto sconfinato. Mi dispiace immensamente per te e vorrei poterti accarezzare e dirti "sei una persona meravigliosa!". Un fortissimo abbraccio Paola

silvia16 ha detto...

che storia.mi dispiace tanto ,ma penso non abbia sofferto se è successo cosi' on fretta. ti starà sempre vicina con una zampetta sulla tua spalla

RobbyRoby ha detto...

Ciao
mi hai emozionato e commosso. Un grande abbraccio.
Sul blog di Hay Lin http://haylin-robbyroby.blogspot.it/
c'è un premio per te.

Lilybets ha detto...

Una micina fortunata,hai saputo amarla e mantenere i suoi spazi,che Dio la protegga e vi benedica tutti !

ideediclaudia ha detto...

Ciao,sono Claudia, anche se non ci conosciamo, mi dispiace tanto per la tua amica.
Ho trovato il tuo blog solo ora, ma ci tenevo a dirtelo. Amo i gatti e tutti gli animali in generale. A casa nostra vivono pacificamente tre cani e 10 gatti. Li amiamo tutti alla follia e anche a noi è capitato a gennaio scorso di perdere Bolla, una delle nostre micie. E' stato atroce, ma sai che mi succede? Ogni tanto mi vanno gli occhi proprio dove adorava sdraiarsi al sole in giardino e mi sembra di vederla, mi sembra quasi di poter andare lì e farle tutte le coccole del mondo come facevo prima. Negli anni sono andati via tanti nostri amici a quattro zampe, li abbiamo seppelliti tutti qùì vicino a noi, in un posto del giardino calmo ed ombroso. Io sono certa che loro sono quì con noi ancora oggi, a darci il loro amore esattamente come prima!Scusa se hò scritto un p'ò così ma leggendo la storia mi si è appannata la vista con i lacrimoni, ho rivissuto quel dolore, che solo gli amichetti che ci sono rimasti sono riusciti a lenire con il loro grande amore che ci mostrano tutti i giorni. Se anche l'essere umano riuscisse ad amare in modo incondizionato come fanno i nostri amici a quattro fampe..
Un abbraccio, Claudia.

ideediclaudia ha detto...

Simona, sono ancora io, Claudia! Mi puoi dire come faccio a seguire il tuo blog?
Ciao, Claudia.